Ci sono molte ragioni per cui gli individui o le aziende vogliono cambiare provider con una nuova società di web hosting. Può essere il semplice fatto di voler avere maggiore spazio di archiviazione o larghezza di banda che, al momento è insufficiente, oppure può essere dovuto al servizio clienti e alla sua bassa qualità offerta.

Insomma, voler cambiare provider può essere più facile a dirsi che a farsi. Passare a una nuova società di web hosting può sembrare un compito arduo, ma non devi farlo diventare un qualcosa di così complesso. Infatti, ci sono alcune cose che devi tenere a mente.

Cambiare provider di web hosting: perché farlo?

I motivi possono essere tanti e in questo articolo vogliamo indicarti quello che devi fare per non incorrere in disservizi di sorta.

Mantieni aperto il tuo account di web hosting con il tuo provider esistente

Ti consigliamo di mantenere attivo il tuo account di web hosting esistente fino a quando non hai completato i passaggi di transizione, come ad esempio:

  • Configurazione nuovo account.
  • Trasferimento file.
  • Creazione e configurazione e-mail.
  • Modifica e propagazione DNS.

Ciò assicura che il tuo sito web e gli account e-mail del dominio possano funzionare durante la transizione.

Scegli un nuovo provider di web hosting adatto alle tue singole necessità

Questo aspetto è un fattore molto importante da tenere in considerazione, quindi considera sempre:

  • Il tipo di sistema operativo (Windows vs. Linux): dipende dalle tecnologie richieste dal tuo sito web. Ad esempio, se il tuo sito web richiede ASP, MSSQL, MSACCESS o altre tecnologie specifiche di Microsoft, dovrai trovare un piano di hosting web con piattaforma Windows.
  • I requisiti di larghezza di banda e spazio su disco.

Crea una copia di backup del tuo sito web esistente: scarica i vecchi file dell’account

Idealmente, i file devono essere scaricati nella stessa struttura ad albero in cui desideri caricarli in seguito. Cerca anche qualsiasi file o permessi che puoi impostare su qualsiasi cartella o file. Questo è un compito abbastanza semplice e può essere facilmente eseguito tramite FTP.

Tuttavia, alcuni provider di hosting web gratuiti non offrono l’accesso FTP. Ciò è particolarmente vero se stai attualmente utilizzando un servizio gratuito di creazione di siti web Flash/drag-and-drop (ad es. Weebly.com, WIX.com).

In questo caso, non puoi scaricare i tuoi file web esistenti e non puoi ricreare i tuoi nuovi file web. Dunque, devi verificare se il tuo nuovo provider di web hosting offre un creatore di siti web gratuito.

Per evitare di incorrere nello stesso problema in futuro, assicurati che il tuo nuovo provider di web hosting offra l’accesso FTP.

Imposta i tuoi nuovi/stessi indirizzi email

Per garantire che le e-mail possano essere ricevute correttamente, è importante mantenere gli stessi indirizzi e-mail, inclusi gli alias e gli inoltri di posta elettronica.

Modifiche e propagazione dei DNS

Dopo aver caricato i tuoi file web sul nuovo server che, probabilmente consideri il migliore hosting WordPress che hai trovato online, ricrea i tuoi account di posta elettronica e poi procedi per apportare le modifiche necessarie al server dei nomi di dominio (DNS).

Il DNS viene solitamente ottenuto una volta che ti sei registrato con il nuovo provider di web hosting. Devi sostituire le tue impostazioni DNS esistenti con quelle nuove: di solito questo viene fatto tramite il pannello di gestione del tuo dominio.

Il nuovo DNS impiega dalle 24-48 ore per propagarsi, quindi il vecchio provider di web hosting è responsabile del sito web e della posta elettronica nel frattempo. Questo è il motivo per cui annullare il vecchio servizio deve essere l’ultima cosa da fare.

Cancella il tuo account dal vecchio provider di web hosting

Una volta che il tuo nuovo account è stato attivato e il tuo sito web e i servizi di posta elettronica presso il tuo nuovo provider di web hosting sono attivi e funzionanti, puoi procedere alla cancellazione del tuo vecchio account.